Pubblicato il 29 Dicembre 2016

Indigo per capelli: come usarlo al meglio

Indigo per capelli: come usarlo al meglio

Indigo (o Indigofera tinctoria) è un arbusto della famiglia delle Fabaceae le cui foglie sono utilizzate per la tintura. Oggi viene coltivata in Asia, in Africa e in America, non è ancora nota con certezza l’origine di questa pianta, in quanto è vecchio.

Indigo in polvere 100% puro e naturale

La polvere di Indigo, come quella di Centifolia, è ottenuta dalla macinazione diretta di foglie Indigofera. Le foglie  vengono raccolte a mano e naturalmente essiccati al sole prima di essere macinate per ottenere la polvere. Non deve contenere additivi, picramati od altre sostanze, ma essere pura al 100%

La colorazione naturale con l’Indigo

Come tutte le polveri coloranti naturali, anche questa la polvere rinforza i capelli.  Inoltra dona delle sfumature ai capelli scuri e scurisce i capelli castani.

Su capelli neri: usato puro su capelli neri per ottenere un colore nero blu notte.
Su capelli castani: usato puro sui capelli castani, donerà un castano nero intenso.
Sui capelli bianchi: se i capelli bianchi rappresentano oltre il 30% dei vostri capelli, si consiglia una applicazione in due fasi:

  • Una prima applicazione di hennè naturale (i vostri capelli saranno bianchi piuttosto ramati)
  • Una seconda applicazione di hennè naturale (1/5), indigo (2/5) e mallo noce (3/5) per ottenere un colore marrone/castano scuro.

Miscelato ad altre polveri (es. brou de noix o mallo noce) dona una colorazione più scura.

Per preparalo basta aggiungere acqua calda. Non fa fatto riposare ma applicato subito in testa e lasciato almeno due ore.

L’idea in più: per riflessi blu, aggiungete un cucchiaino di bicarbonato alla vostra preparazione di indigo

Non utilizzare Indigo puro sui capelli biondi o chiari.

Su vecchiabottega.it trovi la più vasta selezione di hennè per capelli.

N.B. ll risultato dell’henné varia da capello a capello e trattamenti decoloranti, tinte chimiche o permanenti possono influire sul risultato. Pertanto consigliamo di fare una prova preliminare su una ciocca nascosta o su un ciuffo di capelli che si può raccogliere dalla spazzola, prima di procedere con un’applicazione su tutta la chioma.

Newsletter