Pubblicato il 3 Gennaio 2016

Prurito dopo aver applicato l’hennè?

Prurito dopo aver applicato l’hennè?

Prurito dopo aver applicato l’hennè? Può capitare per diversi motivi. Innanzitutto potrebbe essere presente del picramato o sabbia (non è il caso di hennè Centifolia).
Oppure si è messo troppo yogurt o limone od oli essenziali nell’impasto, o si è tenuto “troppo in posa”, oppure, capita spesso, non si è sciacquato bene. Infatti i residui di hennè (od indigo o altro) tendono a dare prurito se non risciacquati correttamente.
Onestamente con gli hennè, indigo ed erbe tintorie Centifolia non è mai capitato, ma potrebbe accadere.
Basta comunque risciacquare anche il giorno successivo, ricordandosi di usare acqua tiepida e non troppo calda, con un ultimo risciaquo di acqua fresca per lenire il cuoio capelluto o con succo di aloe.
Provate ad utilizzare, per la preparazione, acqua floreale di rose, shikakai o rosso d’uovo.

Può anche capitare, in rarissime occasioni, che siate “allergiche” a quella data pianta e non lo sapevate. Per questo consiglio sempre di applicare su una ciocca prima. Ma in questi casi c’è poco da fare: dovete smettere di utilizzare l’hennè.

N.B. Mai miscelare indigo o brou de noix con sostanze acide: es. limone e yougurt, perchè potrebbero provocare prurito.

Con l’hennè naturale viene spesso consigliato di usare limone: se la pelle è sensibile al limone e se si avverte una sensazione di prurito dopo aver usato l’hennè, utilizzare succo d’arancia, succo d’uva, o del liquido meno acido del succo di limone.
Non usare lo yogurt: non funziona quanto il succo di limone e provoca forfora. Vanno bene anche Thè alle erbe lievemente acidi con un po’ di limone. Non miscelare l’hennè con il caffé: non cambierà il colore. Un pizzico di polvere (di caffé) potrà intensificare il colore ma potrà anche irritare la pelle. Non utilizzare acqua bollente : virerà verso un colore ottone/aranciato.

 

‪#‎Hennè‬ ‪#‎PruritoHennè‬ ‪#‎Capelli‬
http://www.vecchiabottega.it/henne

Newsletter